Il COLLEGIO DI FORLI’ CESENA APRIPISTA IN ITALIA SUI DANNI DA FAUNA SELVATICA

30novembre.jpg

Il Collegio dei Periti Agrari di Forlì Cesena, guidato dal Presidente Bagnara, nell’ambito della fiera Caccia & Country Expo, ha organizzato un partecipato e qualificato convegno dal titolo “Prevenzione e Metodologia di valutazione dei danni da fauna selvatica sulle produzioni agricole”. Il Congresso ha riscosso una ampia partecipazione da parte dei colleghi del Collegio di Forlì Cesena, nonché da parte dei Periti Agrari del Collegio di Ravenna e dei Collegi limitrofi.

A seguito dell’apertura dei lavori da parte del Presidente Bagnara ed il saluto del Presidente Nazionale Braga (Intervento Presidente) ha preso la parola la Dottoressa ZanniResponsabile P.O. (Pianificazione Osservatorio) Faunistico della Regione Emilia Romagna, la quale ha ripercorso lo stretto legame fra fauna e territorio forlivese e fra fauna autoctona ed immessa. Una relazione storica dalla quale la Regione è partita per stendere ed approvare il Piano Faunistico Regionale figlio della Legge 157/1992.

La Dottoressa Zanni, richiamando il ruolo dei professionisti, che con le loro relazioni determinano l’applicarsi delle politiche di gestione degli abbattimenti selettivi, non ha risparmiato un osservazione critica a quei professionisti che presentano relazioni di valutazione dei danni da fauna selvatica prive di qualità, e con contenuti incoerenti con le specie che li provocano.

Se potevano esserci dubbi all’interno della platea sulle capacità professionali dei Periti Agrari e Periti Agrari Laureati si sono dissipate con l’intervento del Collega Giampreti; stimato ed apprezzato professionista, che della passione per l’attività professionale ne ha fatto una ragione di vita.

Un Perito Agrario – Etologo, osservatore dei comportamenti di tutta la fauna selvatica che  ha affermato  le sue capacità professionali nelle sedi istituzionali.

Una bella e articolata relazione la sua, che ha ripercorso le tipologie di danni provocati da tutte le specie di uccelli, di ungulati e di canidi. Un intervento che ci auguriamo possa essere presto messo a disposizione dei colleghi italiani. Bravo, bravo davvero, apprezzato da tutti i presenti con un lungo applauso.

Il Convegno si è concluso con una relazione del Prof. Ugo TerraccianoPresidente delle Fondazione ASAPS e docente universitario che ha ripercorso le complesse e contraddittorie responsabilità civili degli Enti proprietari delle strade per i danni provocati da animali selvatici. Una materia che ancora una volta rimane bloccata   nel limbo delle disquisizioni artefatte tra pubblico e privato, di responsabilità frammentaria.

Il tema è certamente attuale, ed il Consigliere Nazionale Bondesan quando ne è venuto a conoscenza, si è fatto promotore nell’ambito del Consiglio Nazionale di Coordinare i Colleghi che operano in questo specifico settore. La nostra categoria con questo convegno si è certamente proposta quale punto di riferimento per le Istituzioni, le Associazioni venatorie, le Associazioni ambientaliste, le imprese agricole, le Scuole e le Università per favorire un approccio alla materia qualificato e multidisciplinare.

Bravi……

  • Creato il .
  • Visite: 574