itzh-CNenfr

1929-2019 | 90 anni di storia per l'agroalimentare italiano

Era il 25 novembre 1929 quando il Regio Decreto n. 2365 sanciva la nascita dell’Albo dei Periti Agrari. 23 articoli in poche pagine hanno dato il via alla costituzione di un albo di cui hanno fatto, e fanno parte, tante persone, tanti professionisti che hanno operato nel territorio nazionale e non solo, trasformandolo, plasmandolo assieme a tante, tantissime aziende agricole grandi, piccole, piccolissime…

Non è facile spiegare in breve quali siano i campi d’azione e di competenza del Perito Agrario ma vale la pena almeno tentare qualche accenno, senza la pretesa di esaurire l’argomento.

Ci sono indubbiamente professionisti che si occupano di fitoiatria, di trasformazione dei prodotti agricoli, altri che prestano le loro consulenze in campo amministrativo e fiscale, altri ancora esperti in sicurezza alimentare, sicurezza nei luoghi di lavoro; non mancano periti estimatori, esperti in progettazione e topografia, e neppure dipendenti del CNR o collaboratori di  ONG in giro per il mondo!

Proprio per manifestare l’importanza della figura e del ruolo del Perito Agrario, il Collegio Professionale dei Periti Agrari e Periti Agrari Laureati delle province di Siena Arezzo e Firenze, ha voluto raccogliere i propri iscritti nella prestigiosa Aula Magna della Facoltà di Agraria di Firenze. E’ stata l’occasione per ricordare il lavoro svolto nei decenni passati ma soprattutto per lanciarsi nelle prospettive future, mettendo a frutto le competenze e le eccellenze degli iscritti, nell’attuale contesto sociale, normativo, ed economico.

La presenza del Direttore del Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agrarie Alimentari, Ambientali e Forestali (DAGRI), Professor Simone Orlandini, e del Presidente del Collegio Nazionale dei Periti Agrari e Periti Agrari Laureati (CNPAPAL), Per. Agr. Mario Braga, ha consentito la sottoscrizione della convenzione tra DAGRI e CNPAPAL, convenzione che riconosce reciproci benefici nell’ambito della formazione e crescita professionale di studenti, tirocinanti e liberi professionisti.

C’è stato anche il tempo per festeggiare coloro che, iscritti al Collegio SI-AR-FI, hanno raggiunto il traguardo dei 30, dei 40, o dei 50 anni di appartenenza all’Albo dei Periti Agrari. La volontà di proseguire su un cammino virtuoso prende le mosse dal riconoscimento di quanto è stato fatto nel passato; il Collegio ha infatti chiesto, e in gran parte già ottenuto, che le amministrazioni comunali di Montevarchi, Montepulciano e Firenze, intitolassero dei luoghi pubblici a questi tre storici e conosciuti iscritti. Le prime due amministrazioni comunali hanno già dato il loro assenso e il Collegio è in attesa dell’espletamento delle relative formalità; per il comune di Firenze c’è la speranza che l’iniziativa vada ugualmente a buon fine.

Il pomeriggio è stato denso di emozioni e l’affezione dei più “grandicelli” è stata di ulteriore stimolo per coloro che sono tuttora impegnati nel mondo del lavoro.

Buon anniversario Perito Agrario!

 

Lorenzo Venturini

Presidente del Collegio dei Periti Agrari e Periti Agrari Laureati

delle Province di Siena-Arezzo-Firenze

  • Creato il .
  • Visite: 440